Navigazione veloce

Note storiche

LA  STORIA  DELL’ ISTITUTO

L’origine

Le origini dell’attuale Istituto Tecnico Agrario “Carlo Gallini” risalgono al 1894, quando a Voghera venne istituita una Regia Scuola Pratica di Agricoltura. Era la realizzazione delle disposizioni del Comm. ing. Carlo Gallini (1814-1888), insigne vogherese, uomo di cultura, imprenditore agricolo illuminato, politico e filantropo, che nel testamento del 1887 destinò  tutti i suoi beni al progresso dell’istruzione agraria e all’incremento dell’agricoltura, da realizzarsi con la creazione del “Pio Istituto Agricolo Vogherese”, cioè un’Opera Pia che tra i suoi compiti aveva anche quello di concorrere al mantenimento di una Scuola pratica di agricoltura.

1894 – Regia Scuola Pratica di Agricoltura

Tutto avvenne così come Carlo Gallini aveva indicato nelle disposizioni testamentarie e nel 1894 fu istituita la Regia Scuola Pratica di Agricoltura, che iniziò a funzionare regolarmente nell’a.s. 1895/1896 con due sezioni:

-quella inferiore era biennale, a prevalente indirizzo pratico-dimostrativo ed era riservata a figli di agricoltori poveri, specialmente orfani (la cui retta era corrisposta dal “Pio Istituto Agricolo Vogherese”);

-quella superiore, triennale, era a indirizzo teorico-pratico, per giovani provenienti da famiglie di fattori e proprietari terrieri.

Il nuovo ordinamento dell’a.s. 1902-03

Nel 1899 venne abolita la sezione inferiore che fu sostituita da corsi invernali della durata di sei mesi.Il nuovo ordinamento entrò in vigore con l’anno scolastico 1902-1903.

1913 – Regia Scuola Pratica di Agricoltura a Corso Superiore “Carlo Gallini” in Voghera

Nel 1913 la Scuola si elevò di grado, si ridussero gli studi a carattere generale e fu lasciato più spazio alle discipline agrarie e alle esercitazioni nei laboratori. Il diploma rilasciato permetteva agli studenti di frequentare l’università. La scuola assunse il nuovo titolo di Regia Scuola Pratica di Agricoltura a  Corso Superiore “Carlo Gallini”in Voghera.

Durante la prima guerra mondiale, la Scuola non interruppe mai la sua attività didattica e offrì all’Autorità militare una parte dei propri locali come Ospedale di Riserva per i soldati feriti in combattimento.

1920 – Regia Scuola Pratica di Agricoltura a doppio corso “Carlo Gallini”  in Voghera.

Nel 1920 venne ripristinato il Corso Inferiore allo scopo di aiutare negli studi i ragazzi poveri e la Scuola ebbe la nuova denominazione di Regia Scuola Pratica di Agricoltura a doppio corso “Carlo Gallini” in Voghera.

1923 – Regia Scuola Agraria Media a corso triennale

Nel 1923 cambiò ancora denominazione, divenendo Regia Scuola Agraria Media a corso triennale e per tutti gli anni Venti ebbe il compito di preparare il personale dirigente di medie o di grandi aziende agricole, rilasciando il titolo di Perito Agrario alla fine del triennio di studio.

1931 – Regio Istituto Tecnico Agrario

Nel 1931 la Scuolaveniva ordinata in Regio Istituto Tecnico Agrario, che comprendeva un Corso Superiore quadriennale e un Corso Preparatorio della durata di un anno, ordinamento a cui venne apportata un’ulteriore modifica nel 1944/1945, quando fu costituito un solo corso quinquennale di scuola secondaria di grado superiore.

Dal 1946 ad oggi  –  IstitutoTecnico Agrario Statale “Carlo Gallini”

Con la fondazione della Repubblica, il “Gallini” mantiene il preesistente ordinamento di Istituto Tecnico Agrario a corso unico quinquennale.

Verso la fine degli anni Settanta il problema dell’Istituto è il reperimento di locali, dato il continuo aumento della popolazione scolastica. Vengono utilizzate varie sedi staccate, fino alla costruzione di una struttura aggiuntiva accanto al corpo “storico” dell’edificio, ultimata nel 1994.

Negli anni Ottanta sono risistemati interi reparti didattici, creati ex novo parecchi laboratori, come il linguistico e l’informatico, e approvata l’introduzione del  "Piano Nazionale per l’Informatica".

Negli anni Novanta il piano di studi si arricchisce: alle materie peculiari del settore agrario si affiancano nuovi percorsi legati all’ambiente, all’ecologia, alle produzioni agro-industriali.

Infine, a partire dall’a.s. 2011-12, un indirizzo di Istruzione Tecnica in Chimica, Materiali e Biotecnologie si aggiunge a quello già esistente di Istruzione Tecnica in Agraria, Agroalimentare e Agroindustria, permettendo di conseguire il diploma sia in ambito agrario sia in ambito chimico.

Parallelamente all’arricchimento dell’offerta formativa, un ampio intervento di ristrutturazione dell’edificio scolastico si è concluso nel 2011.

Nel 2012 è avvenuta l’inaugurazione ufficiale della Scuola ristrutturata.

CARLO GALLINI

Carlo Pietro Giuseppe Gallini, nato il 2 settembre 1814 da Giovanni Battista Matteo e dalla parigina Francesca Chantal Rosalia Fabre de L’Aude, era il discendente di una famiglia di commercianti originari della Liguria, stabilitisi a Voghera intorno alla metà del Settecento. Era il primo maschio, secondo di sei figli.

Studiò a Pavia, dove nel 1836 si laureò in Matematica e Scienze Agrarie, presso la Facoltà di Scienze Fisiche e Naturali. In seguito si recò a Genova per sostenere gli esami necessari per l’abilitazione all’esercizio della professione di ingegnere civile ed idraulico e di perito agrario, dato che Pavia era al di fuori dei confini dello stato Sardo e i suoi studi precedenti non venivano riconosciuti.

Accanto ad interessi agrari manifestò un intenso amore per l’arte e la cultura. Intraprese numerosi viaggi per l’Italia coltivando la sua passione per la pittura e frequentò per due anni la Società promotrice delle Belle Arti a Torino. Frutto di questo periodo sono numerosi  disegni e dipinti di buona levatura artistica. Fu anche collezionista di quadri.

Tornato a Voghera nel 1850, accantonò il suo interesse per l’arte, completamente assorbito dall’amministrazione del patrimonio familiare e dall’impegno politico. Fu Consigliere comunale, Sindaco di Voghera per più di vent’anni, Presidente della Cassa di Risparmio. Ricevette dal Governo le insegne di Commendatore della Corona d’Italia e di Cavaliere dei SS. Maurizio e Lazzaro, oltre a numerose onorificenze e benemerenze, tra cui ricordiamo quelle di Socio benemerito della Società di Mutuo Soccorso ed Istruzione di Voghera e di Socio benemerito del Comizio Agrario.  

E’ però nel campo agricolo che emersero in modo rilevante le capacità e l’impegno pubblico di Carlo Gallini, che incrementò il patrimonio familiare e, nello stesso tempo, si prodigò per un miglioramento dell’agricoltura nel Vogherese, impegnandosi in particolare a favore dell’irrigazione, tanto da progettare la costruzione -purtroppo mai realizzata- del Canale del Tanaro, una grandiosa opera che sarebbe stata di sicura utilità per l’agro vogherese.

   Ebbe molto a cuore il problema dell’istruzione, pienamente consapevole del fatto che l’analfabetismo coinvolgeva i tre quarti della popolazione del circondario. Diede avvio a nuovi corsi scolastici di agronomia-agrimensura e di costruzioni meccaniche, che però vennero soppressi in quanto ritenuti troppo onerosi per il bilancio comunale. Il Gallini fu molto deluso da questa decisione e, nel suo testamento del 15 maggio 1887, destinò tutto il suo patrimonio alla creazione del "Pio Istituto Agrario Vogherese" con il duplice scopo di far  progredire l’istruzione agraria e di aiutare i ragazzi poveri e orfani.

Il Pio Istituto concorse al mantenimento della Regia Scuola Pratica di Agricoltura di Voghera, fondata nel 1894.

Carlo Gallini morì a Voghera il 28 marzo 1888 ed è sepolto nel cimitero della città.